MUSEO DELLA PASTA – Collecchio


appenninoalimen
Presso la stupenda corte agricola medievale di Giarola (Collecchio), posta sulla sponda destra del fiume Taro, in asse con quella Via Francigena che conduceva i pellegrini verso la Città eterna, a fianco del già esistente Museo del Pomodoro, viene allestito il Museo della Pasta, nel contesto del più ampio circuito dei Musei del Cibo della provincia di Parma (Museo del Parmigiano Reggiano a Soragna, del Vino a Sala Baganza, del Salame a Felino, del Prosciutto e dei salumi a Langhirano) a completare un percorso di approfondimento dei più importanti prodotti alimentari del territorio.
La pasta secca di semola di grano duro, di origine mediorientale, ha trovato in Italia la patria d’elezione, sviluppandosi nei secoli in diverse aree del Paese: in Sicilia, in Liguria, a Napoli, a Bologna.
Nell’Ottocento inizia a Parma l’attività di Barilla, oggi leader mondiale del settore, che ha contribuito in maniera determinante alla nascita del museo dedicato in dieci sezioni, alla conoscenza storica, tecnologica e culturale della pasta.
La prima sezione, dedicata al grano, alle sue caratteristiche e alle modalità di coltivazione, presenta modelli, attrezzi agricoli antichi e documenti che testimoniano l’evoluzione delle tecniche agricole.
La seconda sezione è dedicata alla macinazione, alle varie tipologie di mulino, con modelli e iconografia storica di grande interesse, la ricostruzione di un mulino a macine e un moderno mulino a cilindri. Una sintetica sezione è poi dedicata al pane e ai prodotti da forno.
La preparazione casalinga della pasta fresca, a cui è dedicata la quarta sezione, viene raccontata attraverso piccoli attrezzi domestici, l’arte del matterello e la straordinaria varietà della più ricca collezione italiana di “speronelle”, o rotelle da pasta.
Un vero pastificio industriale della prima metà dell’Ottocento consente al visitatore, nella quinta sezione, di comprendere le varie fasi di produzione della pasta secca, con macchinari originali, perfettamente restaurati. Un secondo nucleo di macchine antiche, mostra, nella quinta sezione, le metodiche di produzione in un laboratorio artigianale emiliano del secolo scorso. modelli e video, permettono poi al visitatore di conoscere le attuali, modernissime tecnologie impiegate nei pastifici industriali per garantire un prodotto di alta qualità costante nel tempo. Un ulteriore capitolo illustra, attraverso le “trafile”, il modo di formatura di oltre cento differenti formati di pasta, vere “architetture per la bocca”.
Alla cultura della pasta è dedicata la sesta sezione, con approfondimenti sulla comunicazione (manifesti, locandine, affiches storiche realizzate da cartellonisti e grafici di fama) sulla gastronomia (storia dello scolapasta, dei ricettari e abbinamenti ideali tra formati e condimenti delle varie regioni d’Italia), sulla pasta nell’arte e nella cultura (dai dipinti ai francobolli).
Uno sguardo sulla corretta alimentazione (nutrizione, stili di vita, sostenibilità ambientale) chiude il ricco percorso espositivo che si completa con la visita al sottostante museo dedicato al pomodoro, alla sua storia, coltivazione e trasformazione, tipica del Parmense.
Pasta e pomodoro, poi, vivono, in perfetta simbiosi, al Ristorante della Corte, dove è possibile gustare un menu specifico dedicato a questi straordinari prodotti che, nel Parmense, hanno trovato patria d’eccellenza.

 

INFORMAZIONI
Museo della Pasta
c/o Corte di Giarola – Parco del Taro,
strada Giarola, 11
43044 Collecchio (PR)
tel. 0521 821139 cell. 333 2362839
prenotazioni.pasta@museidelcibo.it
www.museidelcibo.it

Orari:
1° marzo-8 dicembre: 
sabato, domenica e festivi 10-18 
(lunedì-venerdì su prenotazione per gruppi)
dicembre-febbraio: solo su prenotazione per gruppi

per gruppi e scuole, prenotazione obbligatoria
(su prenotazione e a pagamento, possibilità visite guidate per gruppi max. 25 persone)

Ingresso:
a pagamento, con visita libera

(è possibile, per i visitatori, una degustazione di piatti al pomodoro da affiancare a prodotti tipici di Parma e a una selezione di vini dei colli di Parma presso il ristorante della Corte)

 

 

Lovegra 60mg con Tadalafil, è proprio consigliabile effettuare la consulenza del dottore in anticipo d’applicare il prodotto, che potrebbero alimentare le cause psicologiche di impotenza sessuale. Come la già citata Ratiopharm, iniziate con un dosaggio di 50 mg di Vardenafil, Medicina-Doctor farmaci generici, la medicina alternativa può essere utile in caso di disfunzione erettile.