MUSEO DIOCESANO – Parma


cittaarcheoreligstoriaarte
Il complesso monumentale di piazza Duomo, su cui prospetta l’ingresso del Museo Diocesano, viene completato da tre lati con Cattedrale, Battistero e Vescovado.
Il Museo Diocesano di Parma ha sede nel Palazzo Vescovile, che sorge in piazza del Duomo ed occupa una porzione del seminterrato del Palazzo con ingresso da vicolo del Vescovado.
Il Museo è stato inaugurato nel marzo 2003, dopo un complesso intervento di ristrutturazione che ha interessato i locali destinati a ospitarlo.
L’allestimento ha dovuto tenere conto delle scoperte del luogo e soprattutto ha dato l’opportunità di raccogliere quanto era stato oggetto di scavo e cambiamento durante gli anni sia nella piazza, che nella Cattedrale e nel Battistero. I reperti emersi durante le molte campagne di scavo hanno rivelato una continuità nella destinazione religiosa del sito dall’età paleocristiana ad oggi. L’allestimento museale prevede un percorso che segue la storia dei culti religiosi nella città a partire dall’epoca romana e prosegue poi con la sezione altomedievale e medievale. I reperti esposti sono corredati da pannelli che ne illustrano il significato all’interno del contesto di provenienza: si spiega così lo sviluppo della città di Parma durante l’epoca romana e medievale, con particolare interesse verso la formazione del complesso Episcopale, della Cattedrale e del Battistero. Nell’ambito del percorso museale si può vedere un tratto delle mura romane tardoantiche della fine del III secolo d.C.
Fra gli oggetti rinvenuti in varie aree del Parmense e riferiti all’età paleocristiana, sono esposti una lucerna con il monogramma di Cristo e un sarcofago con bassorilievi raffiguranti le Stagioni. Nelle sale figurano inoltre alcune monete e stucchi di una domus romana ubicata sotto la navata della Cattedrale e due mosaici ritrovati nel 1955 in piazza Duomo. Fra gli oggetti di età medievale, sono ospitate nelle teche del Museo alcune ceramiche altomedievali ritrovate durante gli scavi nel cortile del Vescovado, le lastre di pavimentazione del presbiterio della Cattedrale e i quattro leoni stilofori e un frammento della lastra “Maiestas Domini” di Antelami provenienti dallo smembrato ambone della Cattedrale.
Tra i reperti di maggior pregio figurano le sei statue originali delle nicchie esterne del Battistero, restaurate e sostituite da copie: Salomone e la Regina di Saba, i profeti Davide e Nathan, gli arcangeli Michele e Gabriele. Le sculture sono opera di Benedetto Antelami, architetto del Battistero.
Sono oggi ospitati nelle sale del Museo il reliquiario di San Bernardo degli Uberti, vescovo di Parma dall’anno 1106 al 1133 e patrono della città, e l’originale statua dell’Angelo Raffaele proveniente dalla sommità del campanile della Cattedrale.
Una documentazione dei restauri del paramento pittorico e lapideo del Battistero è consultabile con una postazione multimediale dedicata.

Fiziksel ve psikolojik olarak iki ana nedene dayanaır.bu iki neden de kendi içerisinde alt gruplara ayrılabilir.örneğin. Keratin saç kaynağında saçlar bu keratin yapıştırıcı saçın dibinden, Orijinal 100 mg Kamagra Jel satış fiyatı il… amerika viagra ankara

INFORMAZIONI
Museo Diocesano
c/o Palazzo Vescovile,
vicolo del Vescovado, 3/A
43121 Parma
Tel. 0521 208699
info@museodiocesanodiparma.it
www.museodiocesanodiparma.it

Orari:
tutti i giorni 9-12.30 / 15-18.30

Ingresso:
a pagamento, con visita libera
(biglietti cumulativi per visita a Museo
e Battistero)