CASTELLO DEI BURATTINI / MUSEO G. FERRARI - Parma


cittaetnog
Il Castello dei Burattini – Museo Giordano Ferrari è nato nel 2002 nelle stanze dell’ex convento di San Paolo. Il Museo è frutto della passione di Giordano Ferrari che lungo l’arco della propria esistenza ha raccolto le testimonianze della vita e dell’attività di generazioni di burattinai e marionettisti. I circa 500 pezzi esposti sono solo una parte della collezione che, oltre agli attori di legno, comprende fotografie, scenografie, copioni, volumi sul teatro ed un archivio cartaceo che è testimonianza importante del mondo dello spettacolo. A questo patrimonio si sono aggiunti ulteriori fondi. Il primo è quello di Franco Cristofori, donato al Museo dalla moglie e dai figli nella certezza di interpretare la volontà del giornalista scomparso: si tratta di oltre mille pezzi tra burattini, marionette, oggetti di scena, volumi, copioni manoscritti e fondali. Il secondo fondo è quello dell’ingegnere bresciano Amilcare Adamoli, burattinaio dilettante: il suo materiale comprende burattini, vestiti, copioni, “effetti speciali” (come la pipa per le fiammate), fondali e il teatrino completo che Adamoli stesso si era costruito. Completano la collezione il fondo Gruppo 80, che comprende i pupazzi che hanno agito nei programmi delle reti Mediaset (come One, Five, Ambrogio), il fondo Don Antonio Moroni, che raccoglie alcuni copioni appartenuti alla famiglia di marionettisti-burattinai Zaffardi, e il fondo che comprende i burattini (quasi tutti scolpiti da Demetrio Presini) dell’attore Stefano Varriale.
Il percorso espositivo si articola in due sezioni: quella dei burattini si apre con i materiali delle famiglie Ferrari, Campogalliani e Preti e procede secondo un criterio geografico che tiene conto delle principali tradizioni burattinesche italiane, chiudendosi con i burattini stranieri; la sezione delle marionette, invece, mette in luce le principali compagnie attive in Italia e quelle meglio rappresentate dalla collezione, con speciale riguardo per quelle che ebbero stretti rapporti con i Ferrari (Lupi, Colla, Concordia). I percorsi sono arricchiti con locandine, manifesti, avvisi, apparati scenografici, copioni, allo scopo di ricreare il contesto storico relativo ai pupazzi esposti.
A seguito degli eventi sismici del 2012, la sala teatrale nel chiostro del convento di San Paolo è stata chiusa ed è stata riallestita nell’ultima sala museale, fatto che ha comportato una leggera riduzione dei materiali esposti. Il materiale cartaceo (libri, copioni, lettere, manifesti, plance, ecc.) è visionabile, previa iscrizione, presso il Centro Studi del Museo. I servizi svolti dal Museo comprendono la didattica animata, la didattica per le scuole e l’organizzazione di spettacoli e rassegne di teatro d’animazione, nonché di seminari e incontri per la diffusione della conoscenza di quest’arte.

INFORMAZIONI
Castello dei Burattini –
Museo Giordano Ferrari
via Macedonio Melloni, 3
43121 Parma
tel. 0521 031631
castellodeiburattini@comune.parma.it
www.castellodeiburattini.it

Orari:
LUNEDI-VENERDI 10.00-17.00
MARTEDI CHIUSO
SABATO-DOMENICA 10.30-18.30

lunedì, 1° gennaio e 25 dicembre: chiuso

La 2° e 4° domenica del mese alle ore 16.30,  è possibile assistere allo spettacolo della compagnia “I burattini dei Ferrari”

Ingresso:
a pagamento, con visita libera