MUSEO BODONIANO – Parma


cittapersontipog
Il Museo Bodoniano, inaugurato nel 1963 in occasione del 150° anniversario della morte di Giambattista Bodoni, è il più antico museo della stampa in Italia: espone una ricca selezione di edizioni bodoniane (compresi esemplari unici e rarissimi, stampati su pergamena o seta), la suppellettile tipografico-fusoria e gli altri cimeli appartenuti all’officina di Bodoni e ne illustra l’opera per valorizzarne la figura e le collezioni. Promuove inoltre studi e ricerche nel campo dell’arte grafica e tipografica ed organizza periodicamente eventi, mostre, convegni, conferenze. Collocato nel tardo-cinquecentesco palazzo farnesiano della Pilotta (sede, a fine Settecento, dell’Officina e dell’abitazione di Bodoni), il Museo è ospitato al terzo piano della Biblioteca Palatina, proprietaria delle collezioni esposte.
Il tesoro bodoniano è, in sintesi, costituito da: lo straordinario corredo di punzoni in acciaio (oltre 25.000), matrici in rame (oltre 42.000) ed attrezzi della stamperia (forme per la fusione dei caratteri, lime, pialle, cucchiaini, ecc.) per un totale di circa 70.000 pezzi; oltre un migliaio di edizioni bodoniane; l’Archivio Bodoni con carte personali e di lavoro del tipografo e della moglie Margherita Dall’Aglio; il carteggio costituito da circa 12.000 lettere; documenti, miscellanee di prove e di saggi tipografici, specimina delle più note fonderie straniere e italiane, fogli volanti in carta e pergamena; sei armadi originali neo-classici, all’interno dei quali Bodoni custodiva le cassette dei punzoni e le serie di matrici; un torchio tipografico, fedele ricostruzione di quello usato da Bodoni.
Le sezioni espositive del Museo sono: Produzione bodoniana (edizioni realizzate sotto la direzione di Bodoni, stampate con i suoi caratteri, sia per la Stamperia Ducale che per quella privata); Storia del libro (manoscritti e libri a stampa dei secoli XV-XX, italiani e stranieri); Produzione tipografica Parmense (dal 1472 ai giorni nostri); Materiale tipografico-fusorio (punzoni, matrici, forme, lime ed altri strumenti permettono di ripercorrere tutte le fasi di lavoro nell’Officina tipografica, dall’ideazione di una serie alfabetica fino alla stampa al torchio); Pagina tipografica (una serie di pannelli propongono l’evoluzione grafica della pagina stampata dal Quattrocento all’Ottocento, vista attraverso l’accostamento con opere coeve, espressioni di altre tecniche artistiche); Caratteri tipografici (attraverso le illustrazioni a firma di Carlo Dradi, è presentata la lenta e complessa evoluzione del carattere tipografico dalle origini al XIX secolo).
Inoltre il Museo mette a disposizione del pubblico la propria biblioteca moderna specializzata, fin dalla nascita, nel settore specifico della stampa. Essa contiene infatti volumi sull’arte e sulla storia della tipografia, sulla storia del libro, opere di pregio dell’editoria italiana, edizioni numerate e su carte speciali, studi di grafica e design editoriale, fac-simili di edizioni bodoniane, saggi e monografie su Giambattista Bodoni, ecc. Di particolare importanza sono i seguenti fondi speciali: Fondo Trevisani, costituito da circa 2.000 volumi e opuscoli riguardanti soprattutto la storia della stampa, dell’editoria e della tecnica grafica; Fondo Franco Maria Ricci, che comprende la pressoché integrale collezione delle edizioni Franco Maria Ricci; Fondo Mardersteig, composto da numerose edizioni uscite dai torchi della “Officina Bodoni” di Hans Mardersteig; Fondo Alberto Tallone, ricco di oltre 160 titoli; Fondo Premio Bodoni-Città di Parma, che comprende le opere premiate o inviate in occasione del biennale Premio Bodoni-Città di Parma, concorso nazionale di grafica editoriale di cui si tennero cinque edizioni, tra 1965 e 1974; Fondo opere di pregio, che racchiude i volumi di stampatori quali Franco Riva, Castiglioni e Corubolo, ecc.
Vero e proprio museo del libro, il Museo Bodoniano può attrarre ed insegnare molto anche a chi non conosce la figura e la storia del grande tipografo a cui è intitolato; per questo l’esposizione non è incentrata esclusivamente sulle opere bodoniane.

*tramite assistenza del personale di servizio (si prega telefonare)

INFORMAZIONI
Museo Bodoniano
c/o Palazzo della Pilotta
(ingresso Biblioteca Palatina),
strada alla Pilotta, 3
43121 Parma
tel. 0521 220449
museobodoni@beniculturali.it
www.museobodoni.beniculturali.it

Orari:
lunedì-sabato 9-13 su prenotazione
(visite guidate gratuite su prenotazione)
16 -31 agosto, domenica e festivi: chiuso
Temporaneamente inagibile (giugno 2013)

Ingresso:
gratuito (possibilità visita libera o guidata)